Cos’è il Desktop Publishing?

di Jacci Howard Bear – freelance graphic designer, scrittrice ed artista.

Desktop publishing è un termine coniato a partire dallo sviluppo di una specifica tipologia di software. Significa utilizzare un determinato software per combinare e riorganizzare elementi di testo e/o immagini, con lo scopo di creare files digitali.

Prima della nascita del Desktop Publishing realizzato con l’ausilio di programmi informatici, i compiti relativi alla produzione di pubblicazioni editoriali erano svolti manualmente, da una grande varietà di professionisti differenti, impegnati tanto nella progettazione grafica quanto nei processi di prestampa. La presunta interscambiabilità di queste figure professionali ha talvolta portato i non addetti ai lavori a creare confusione circa le reali origini e metodologie del desktop publishing.

Sebbene la definizione sottostante sia ancora valida, questo indirizzo può essere utile per una definizione ulteriormente esaustiva e dettagliata: Desktop Publishing in the 21st Century.

Il Desktop publishing consiste nell’utilizzare un computer e del software specifico per creare visualizzazioni grafiche di idee ed informazioni. I prodotti ottenuti possono essere impiegati per  uso interno, destinate alla stampa commerciale o per la loro distribuzione telematica, attraverso il formato PDF, presentazioni, newsletters o il Web.

Secondo una definizione tradizionale, il Desktop Publishing è quindi l’utilizzo di supporti informatici idonei a realizzare documenti commerciali o destinati alla comunicazione aziendale interna.  Allo stesso campo operativo fa riferimento il processo di realizzazione di prodotti editoriali di vario formato (ad esempio le newsletters, i depliants, le brochures o gli stessi libri) che sino a pochi decenni fa erano finalizzati manualmente, utilizzando una grande varietà di tecniche non automatizzate, attraverso complessi macchinari foto-tipografici. Al giorno d’oggi, invece, il software svolge la quasi totalità del lavoro in modo autonomo.

Prima dell’avvento di programmi informatici ad hoc, le operazioni di composizione  erano svolte attraverso l’utilizzo di righelli specifici per la determinazione della grandezza dei caratteri (le cosiddette “E-Scale”), di incollaggi millimetrici e una miriade di altri sistemi non automatizzati, tutti utilizzati per montare un documento destinato alla stampa.

Propriamente, il Desktop Publishing consiste nell’assemblaggio ordinato di elementi digitali in uno specifico formato di stampa. Dal punto di vista pratico, buona parte del processo di design grafico è completato utilizzando specifici programmi di impaginazione e di grafica, da cui deriva la generica inclusione nella definizione univoca di Desktop Publishing.

Distinguendo sommariamente i due procedimenti, si può però affermare:

  • Cos’è il Desktop Publishing – È il processo di combinazione di testo e grafica rivolto a realizzare documenti destinati alla stampa. (Giornali, riviste, libri, newsletter, pieghevoli, brochure, ecc.)
  • Cos’è il Graphic Design – È il processo, e l’arte, di combinare testo e grafica allo scopo di comunicare un messaggio efficace attraverso l’impiego di loghi, illustrazioni, poster, locandine ed ogni altro tipo di comunicazione specificamente visuale.
Annunci